Festival dei diritti

FESTIVAL DEI DIRITTI 2020: 18^ Edizione

 

logo festival

con il patrocinio ed il contributo del Comune di Ferrara

 

18^ Edizione

 

Festival dei Diritti di Ferrara nasce nel 2002 per iniziativa della rete ARCI ER, CGIL Ferrara, Nexus Emilia Romagna, Associazione Cittadini del Mondo, Associazione di volontariato Oltreconfine, Cooperativa Teatro Nucleo,
con il contributo del Comune e della Provincia di Ferrara e della Regione Emilia Romagna. Queste associazioni, diverse per storia ed interessi, sin dalla prima edizione, hanno deciso di collaborare per la costruzione di percorsi che favoriscono una cultura della pace, della nonviolenza, dell’interculturalità ed a favore dei diritti globali di cittadinanza e di valorizzazione delle diversità.
Ad oggi il Comitato Promotore del Festival dei Diritti di Ferrara è composto da realtà associative diverse tra loro, e nel corso degli anni le collaborazione con gli enti locali e la rete delle associazioni del territorio provinciale e regionale si è amplificata. Nel corso del 2020 ed in continuità con gli anni precedenti, il Comitato Promotore intende realizzare la
diciottesima edizione del Festival dei Diritti di Ferrara che si ispira in particolar modo alla promozione dei valori che lo hanno da sempre caratterizzato ed inoltre per questa edizione 2020, punta uno sguardo anche a riflessioni inerenti alla cultura di pace, al valore dei diritti umani e delle diversità sotto ad un punto di vista non solo socio-culturale ma
anche ambientale e di sviluppo inclusivo e sostenibile.
In un contesto nazionale ed internazionale caratterizzato recentemente dalle diverse problematiche causate dall’emergenza COVID-19, la diciottesima edizione del Festival dei Diritti di Ferrara intende essere una occasione di costruzione collettiva e diffusione di strumenti e pratiche culturali indispensabili per capire e interpretare una situazione interculturale nuova.
Diverse sono le attività proposte e rivolte ai giovani, agli studenti ed alla cittadinanza emiliano-romagnola. Rassegna cinematografica, campagne web radio, eventi, percorsi in-formativi, cortometraggi ed analisi conoscitive del contesto socio-economico sono le azioni che fanno parte del programma della presente edizione e che saranno implementate dai soggetti che compongono il Comitato Promotore del Festival dei Diritti di Ferrara 2020. Le tematiche del festival
saranno trattate durante gli eventi previsti, tramite riflessioni, interventi di esperti ed operatori, proiezioni, diffusione di materiali audio e video su social media, radio e testate giornalistiche ed incontri di diversa natura che porranno l’attenzione e stimoleranno una partecipazione attiva di tutta la cittadinanza.
Come nella precedente edizione, nel corso del 2020 il Festival dei Diritti di Ferrara ha l’ambizione di articolare ed essere vetrina anche per le iniziative già in essere sul territorio sui temi della pace, della discriminazione, della
diversità, dei diritti umani e della cittadinanza globale, a partire dai progetti che le diverse organizzazioni che compongono il Comitato Promotore del Festival stanno sviluppando grazie anche al co-finanziamento della Regione Emilia Romagna. In questo modo sarà possibile potenziare le azioni che ogni singola organizzazione sta pianificando sul territorio e consolidare su scala locale, regionale, nazionale e internazionale relazioni e partnership anche in prospettiva di future progettazioni e iniziative.
Grazie quindi alle diverse iniziative sarà possibile diffondere anche le esperienze e i progetti realizzati nei campi profughi Saharwi ed in Tunisia e Marocco con l’obiettivo di diffonderle e farle conoscere alla cittadinanza della Regione Emilia Romagna promuovendo in tal modo lo scambio di buone prassi e collaborazioni future con istituzioni, rete dell’associazionismo locale e regionale, produttori/consumatori socialmente ed ambientalmente responsabili, organizzazioni sindacali e ONG che lavorano su tali temi anche su scala nazionale ed internazionale.
Una cittadinanza attiva, correttamente in-formata, consapevole e sensibilizzata in merito alla cultura della pace, della non violenze e dell’inclusione, al riconoscimento dei diritti umani ed alla valorizzazione delle diversità sono i risultati attesi dal programma del Festival dei Diritti di Ferrara 2020 e anche priorità in linea con l’Agenda 2030.